Vinonews24
Veronafiere-Vinitaly, da oggi a 11 maggio a Shenzhen salone Wine To Asia. 120 aziende italiane e 400 da 30 paesi. Import vino tricolore +4%.

Veronafiere-Vinitaly, parte la missione cinese con Wine to Asia

di redazione | 9 Maggio 2024

Veronafiere-Vinitaly dà il via oggi a Shenzhen in Cina al salone Wine To Asia. Fino all’11 maggio 120 aziende italiane e 400 da 30 paesi. Import vino dal Belpaese cresce del +4%.

Con 520 aziende di cui 120 cantine tricolori da 30 paesi e l’export di vino italiano cresciuto in Cina del +4% nel primo trimestre 2024, inaugura oggi a Shenzen Wine to Asia, la seconda edizione del salone internazionale del vino e degli spirits organizzato da VeronafiereVinitaly.

In calendario fino all’11 maggio al centro espositivo Futian, Wine to Asia si posiziona tra le più importanti rassegne di promozione del vino nella Greater Bay Area (GBA), il grande hub che comprende Hong Kong, Macao e nove città della provincia di Guangdong tra cui Shenzhen.

Nove le hall espositive in rappresentanza di altrettanti Paesi produttori (Italia, Cina, Serbia, Slovenia, Argentina, Georgia, Uruguay, Messico e Sudafrica), con la delegazione tricolore che si conferma come la più numerosa in una manifestazione di settore in Asia. Infatti, sono 50 le imprese del ‘padiglione Italia’ firmato da Ice Agenzia, mentre le ulteriori 70 sono diffuse negli altri spazi della rassegna.

GBA SNODO FONDAMENTALE PER EXPORT ITALIANO. SPARKLING TRICOLORE +32%

La Greater Bay Area (GBA) è un mercato fondamentale, con quasi il 40% delle merci cinesi in transito. Un’area decisiva – rileva l’osservatorio Uiv-Vinitaly – anche per l’import enologico: nel 2023, oltre il 40% degli ordini di vino italiano diretto in Cina e nelle due ex colonie hanno trovato sbocco nella GBA, quota che sale al 64% se si considera l’import cinese complessivo di vino.

Un’area fortemente connessa con tutto il Far East ma strategica anche in relazione al solo mercato del Dragone: la sola provincia di Guangdong (circa 80 milioni di abitanti) registra il 25% delle importazioni totali di vino tricolore in Cina.

Il mercato cinese di vino sta velocemente mutando pelle: ai cali scontati nell’ultimo triennio fa da parziale contraltare la tendenza di una domanda maggiormente qualitativa, con un relativo consistente aumento del prezzo medio del vino italiano negli ultimi 18 mesi.
Euromonitor stima un incremento al 2027 delle vendite di vini fermi del +3,7%, con crescite sopra media per i rosati e per i rossi, che rappresentano il 76% dei consumi cinesi.

Ma la vera scommessa potrebbe rivelarsi, anche nel Dragone, la tipologia spumanti, con un incremento in valore stimato da Euromonitor nel medio periodo del +57%. Un trend positivo che potrebbe essere già iniziato: nel primo trimestre 2024 l’import di sparkling italiano è cresciuto in valore del +32%, con un’incidenza sul totale delle vendite tricolori in Cina salita all’11%.

Per il presidente di Veronafiere, Federico BricoloL’adesione delle nostre aziende alla campagna di incoming dall’Italia realizzata dai delegati di Veronafiere e Ice Agenzia dimostra il costante interesse verso quest’area geoeconomica, da considerare ancora come un mercato potenziale. Per questo il presidio risulta oggi ancora più fondamentale alla luce di alcuni segnali di cambiamento, a partire dai risultati delle importazioni di vino italiano nel primo trimestre di quest’anno che tornano in terreno positivo sul fronte del valore con un +4%. Inoltre, crescita del prezzo medio e una maggiore ricerca di prodotti qualitativamente alti e di forte espressività territoriale, specie nel fuoricasa, sono le sentinelle di una possibile inversione di tendenza da cogliere”.

Per quanto riguarda i contenuti, la tre-giorni di Wine to Asia offre un cartellone di circa 40 eventi tra seminari, tasting, pop up talk e un programma di masterclass guidate da un trio di MW (Andrea Lonardi, Cassidy Dart e Julien Boulard), dall’unico Master Sommelier in Cina, Lu Yang e dal wine educator JC Viens.

crescita del prezzo medio e una maggiore ricerca di prodotti qualitativamente alti sono spia di una possibile inversione di tendenza per l’export del vino italiano in Cina
il presidente di Veronafiere Federico Bricolo (foto Quadra Company)
@2024 - The News 24 Associazione Culturale - Località Le Stiacce 1 - 58044 Cinigiano (GR) - Italia - P. IVA IT01712420536
info@vinonews24.it
magnifiercrosschevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram