Vinonews24
Progetto_restyling_Consorzio_Barbera_Monferrato

Restyling alla ricerca del terroir per le Docg del Consorzio Barbera d’Asti e Monferrato

di redazione | 22 Aprile 2024

Presentato al 56. Vinitaly il progetto che cambia volto alle Docg del territorio monferrino con l’obiettivo di valorizzarne l’identità. Maccario: “Vinitaly fiera del vino in Europa”.

Non un semplice restyling, ma un progetto che – senza stravolgimenti – ripensa le denominazioni e riporta al centro le peculiarità dei territori che compongono il Monferrato. Un progetto pensato e fortemente voluto dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, che l’ha presentato al 56. Vinitaly.

La novità dunque va oltre il semplice rinnovamento grafico delle etichette dei vini delle denominazioni Docg tutelate. “Con questo progetto – spiega il presidente del Consorzio Vitaliano Maccarioaspiriamo a comunicare l’unicità delle varietà vinicole del nostro territorio attraverso nuove etichette che raccontino la storia e l’identità di ogni Docg. Celebra dunque l’idea di ‘Uniti nella diversità’ e intende dare valore all’essenza stessa dei nostri vini: eleganza, alta qualità, forte identità e grande passione per il territorio del Monferrato”.

Parlare di identità significa dunque “riconoscere e valorizzare le peculiarità di ogni denominazione, ma anche integrare queste diversità in un tessuto comune piemontese, coeso e unitario“, aggiunge Maccario. “La Barbera non è solo il cuore dei nostri vini, ma anche il vitigno da cui scaturisce la nostra tradizione vinicola. La nuova grafica si propone come un simbolo forte di questa visione: l’impronta digitale sul logo non solo certifica l’autenticità e l’unicità del territorio, ma simbolizza anche la comunità – ogni produttore, ogni cittadino che contribuisce alla ricchezza della nostra identità collettiva”.

Progetto_restyling_Consorzio_Barbera_monferrato_presidenza
la presentazione del progetto di restyling delle etichette Docg

Ecco il senso dell’impronta digitale che orna il logo del Consorzio. “È più che un simbolo di autenticità, è la voce della nostra terra distintiva, inconfutabile, irripetibile. Ma ancor di più quell’impronta rappresenta ogni singolo membro della nostra comunità, la ricchezza umana e la comunità collettiva che definiscono la nostra realtà”, conclude il presidente.

Le Docg che da oggi avranno una propria etichetta saranno infatti Barbera d’Asti, Barbera d’Asti Superiore, Nizza, Ruchè di Castagnole Monferrato, Terre Alfieri Nebbiolo e Terre Alfieri Arneis, tutte comunque rappresentate dall’impronta digitale che per ogni denominazione è declinata con colori diversi.

Nel frattempo, conclusa l’edizione 2024 di Vinitaly, il presidente Maccario non nasconde la soddisfazione del Monferrato e delle sue aziende vitivinicole. “Vinitaly ha confermato di esser la fiera del vino in Europa – dichiara nell’intervista a Vinonews24e ha vinto sulle altre fiere internazionali. L’evento rappresenta da sempre una vetrina significativa per il nostro territorio e le aziende che promuoviamo stanno ancora una volta dando prova con i loro vini, dell’altissima qualità del nostro patrimonio enologico”.

 

 

 

@2024 - The News 24 Associazione Culturale - Località Le Stiacce 1 - 58044 Cinigiano (GR) - Italia - P. IVA IT01712420536
info@vinonews24.it
magnifiercrosschevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram