Vinonews24
Secondo ricerca CGA, italiani scelgono il bere consapevole: 4 su 10 ridurranno consumi acolici, 30% dei giovani li abbandonerà.

Non solo UK, anche in Italia la Gen Z “snobba” l’alcol

di Antonio Tosi | 14 Febbraio 2024

Secondo una ricerca CGA, gli italiani scelgono il bere consapevole: 4 su 10 ridurranno i consumi di acolici, il 30% dei giovani li abbandonerà, mentre 3 consumatori su 5 vireranno sugli analcolici.

La nuova tendenza della Generazione Z di consumare meno alcolici, se non di abbandonarli del tutto, non si sta diffondendo solo nel Regno Unito.

Anche in Italia il numero di giovani tra i 18 e i 34 anni che intende non assumere più alcol è ormai di 1 su 3.

Più in generale, la virata verso la sobrietà riguarda il 40% degli italiani, che vuole quantomeno ridurne il consumo, mentre il 22% prevede di smettere completamente di bere bevande alcoliche.

Lo rivela una ricerca di CGA by NIQ, che nel suo ultimo Consumer Pulse Report dà spazio alle tendenze comportamentali dei consumatori nel settore del fuori casa.

Ed emerge come, con l’inizio del nuovo anno, i nostri connazionali prestino più attenzione alla salute e siano più propensi a scegliere bevande analcoliche e a basso contenuto alcolico.

Oltre la metà dei consumatori (56%) che stanno moderando l’assunzione di alcolici ha dichiarato che, a partire dal cosiddetto Dry January – iniziativa promossa da Alcohol Change UK per il benessere personale grazie alla rinuncia all’alcol per 31 giorni –, uscirà meno spesso del solito.

Una quota decisamente maggiore del 10% degli intervistati che invece intende uscire di più senza fare previsioni su quelli che saranno i consumi di alcol.

Il 61% delle persone, hanno dichiarato di voler consumare bevande analcoliche, tra cui caffè, tè e soft drink tra le tre scelte principali ed un quinto (20%) prevede di provare varianti analcoliche o a basso contenuto alcolico di bevande quali birra e cocktail.

L’indagine Consumer Pulse di CGA by NIQ suggerisce che l’interesse per il bere e il mangiare sano si estenderà ben oltre il mese di gennaio: l’82% dei consumatori concorda infatti sul fatto che nel 2024 darà priorità alla salute e al benessere e un terzo (32%) pensa di moderare il consumo di alcolici durante tutto il corso dell’anno.

La virata salutistica sarà dovuta ai sensi di colpa per le abbuffate natalizie o è in atto una vera e propria inversione di tendenza? I prossimi mesi ci daranno un quadro più chiaro della situazione dei consumi di alcol in Italia.

Dopo un periodo di feste intenso, i consumatori sono più attenti alla salute e alle spese, anche se molti di loro intendono ancora frequentare bar e ristoranti – dichiara Daniela Cardaciotto, On Premise Sales Leader di CGA by NIQI locali che propongono alternative interessanti alle bevande alcoliche e che offrono un buon rapporto qualità-prezzo, possono da un lato soddisfare le nuove esigenze di consumo alcohol-free e dall’altro ampliare strategicamente la loro offerta”.

 

 

 

@2024 - The News 24 Associazione Culturale - Località Le Stiacce 1 - 58044 Cinigiano (GR) - Italia - P. IVA IT01712420536
info@vinonews24.it
magnifiercrosschevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram