Vinonews24

Dall’utopia della seta di Ferdinandopoli all’antica “uva del re” di Alois

di Lucia Immacolata Migliaccio | 19 Febbraio 2022

Degustazione di tre annate e una en primeur del Morrone, frutto di ricerca, tenacia e dedizione della famiglia Alois nel casertano. L’accompagna un racconto dell’artista Felix Policastro.

Per tanti, nel casertano e nel mondo, dire Alois equivale a raccontare i tessuti di San Leucio, la real colonia che incarna la storia della più importante manifattura tessile della Campania e dell’esperimento sociale voluto da re Ferdinando IV. Il complesso monumentale del Belvedere di San Leucio è stato infatti il sogno utopico del re per dar vita alla sua Ferdinandopoli, un borgo ideale dove dare esecuzione a un modello di giustizia e di equità sociale nuovo per le nazioni del XVIII secolo, ispirato a una forma di socialismo illuminato.

Re Ferdinando decise di fondare in quel luogo, una colonia modello da esportare poi in tutto il regno, fatta di persone felici, intorno alla quale la comunità si autogestiva, producendo stoffe pregiate.

Il filo della seta s’intreccia con il vino proprio a San Leucio, dove i Borbone realizzarono la sperimentale vigna del ventaglio, un semicerchio diviso in dieci raggi per dieci viti di diversa specie, le più pregiate del regno. Tra queste, Ferdinando IV volle l’uva pallarella (così chiamata per la sfericità degli acini) nei suoi biotipi rosso e bianco, l’unica italiana per cui nutriva una vera e propria venerazione.

Nel primo Novecento di quest’uva si sono perse le tracce, per poi tornare in auge qualche anno fa, riscoperta, rilanciata e inserita, nel 2002, nel disciplinare IGT Terre del Volturno, denominazione distribuita tra un’ottantina di comuni, dislocati in una fascia molto estesa che attraversa la provincia di Caserta dalle propaggini dell’Appennino Molisano (a nord-est) al litorale tirrenico (a sud-ovest).

Nello specifico, l’area di coltivazione dei due pallagrello ricade nella provincia di Caserta, nella zona di Castel Campagnano, Caiazzo, Castel di Sasso, Pontelatone, Piedimonte e Alife.

ALOIS, ALLE PENDICI DEI MONTI CAIATINI
Trait d’union che unisce seta e vino è sicuramente la dedizione per il territorio della famiglia Alois, che a Pontelatone, alle pendici dei Monti Caiatini, in una casa rurale borbonica, ha investito nella produzione vitivinicola valorizzando i vitigni autoctoni, casavecchia e pallagrello.

Il perfetto connubio tra tradizione e innovazione è ciò che caratterizza l’azienda Alois che, ad oggi, è divenuta un vero e proprio punto di riferimento in tutto il panorama dell’alta Campania.

Il luogo è ricco di suggestione e possiede un fascino segreto, i ritmi di vita scorrono lenti e il verde è più verde, le sfumature sono infinite e i colli sono intessuti di piccolissime vigne come preziosi merletti. Viene voglia di perdersi, ma in realtà si è circondati da amici con cui Massimo Alois e la moglie Talita De Rosa si confrontano. E dal confronto scaturiscono idee, sinergie e progetti che fanno crescere l’azienda e stimolano il territorio ancora fermo. Lavoro di grande interesse è infatti quello avviato con il professor Maurizio Boselli, ordinario di viticoltura all’Università di Verona, e gli enologi Giovanni Piccirillo e Alessandro Fiorillo. Il progetto si basa sullo studio genotipo-ambiente con lo scopo di individuare le caratteristiche principali dei diversi tipi di suolo (ne sono stati raccolti mediante carotaggi oltre 30) e di conseguenza i siti produttivi più vocati nell’areale del casavecchia e pallagrello. L’intuizione vincente è quindi quella di recuperare la tradizione, reinterpretandola in chiave contemporanea, attraverso la sperimentazione e lo studio continuo, sia in campo agronomico che enologico.

DALLA RICERCA, IL MORRONE
Ricerca, tenacia e dedizione hanno così permesso la realizzazione di Morrone, un pallagrello bianco sorprendente che mette al centro il terroir con un approccio puro, vero e legato alla originalità dei luoghi. La vigna di 2,13 ettari ha 15 anni e si trova sui Monti Trebulani, nella zona Casalicchio a 348 mslm. I suoli sono profondi, franchi, con scheletro da comune a frequente e molto calcarei. Ben drenati con moderata capacità di acqua disponibile.

Il terreno può esser suddiviso in due distinti orizzonti: 0 – 80 cm, è di tessitura argillo-limosa calcarea, con elevata prevalenza di scheletro grande, mentre 80 – 150 cm è maggiormente argilloso e ricco di elementi grossolani, più umido rispetto al primo orizzonte. Molto poroso senza zone compatte.

La cultura e lo studio del territorio su cui è impiantato il vigneto è raccontato anche dalla dedicata litografia dell’artista italiano Felix Policastro, mediante un omino che percorre la produzione del Morrone. “È come se Felix sentisse la terra tra le mani – commenta Talita De Rosa – Il progetto è in edizione limitata e numerata in 250 esemplari e consta di un contenitore esterno su cui è stato impresso una citazione dell’artista”.

“La scommessa, – commenta Massimo Alois, – è vedere come questo vino si comporterà nel tempo; ha meno catechine, quindi meno capacità ossidante. L’obiettivo è quello di puntare su di un vino da invecchiamento, non uno da prima beva”.

NOTE DI DEGUSTAZIONE
Morrone Pallagrello Bianco – IGT Terre del Volturno 2018
Uvaggio:100% pallagrello bianco
Vinificazione in acciaio con maturazione per 2/3 in acciaio inox a temperatura di 13°/14° C per 1 mese e 1/3 sulle fecce fini in barrique per 9 mesi. Affinamento in bottiglia per 12 mesi.

Affascinante e luccicante paglierino, prorompente e complesso negli aromi, inaugura la superba sfilata olfattiva con una decisa impronta minerale ampliata da profumi di pesca gialla ed erbe aromatiche. L’impetuosa freschezza sostiene un sorso ampio e appagante, preludio a un profluvio di ritorni retrolfattivi, cesellati da sapidità e calore alcolico, seguiti da suadenti accenni ammandorlati.

Morrone Pallagrello Bianco – IGT Terre del Volturno 2019
Uvaggio:100% pallagrello bianco
Vinificazione in acciaio con maturazione per 2/3 in acciaio inox a temperatura di 13°/14° C per 1 mese e 1/3 sulle fecce fini in barrique per 9 mesi. Affinamento in bottiglia per 12 mesi.

Paglierino luminoso. Profuma di pesca, origano, biancospino, salvia e glicine che contraddistinguono ed emozionano il naso. Sfuma in eleganti accenni iodati. Il palato è ricco con una vibrante e cristallina vena acido-salina.

Morrone Pallagrello Bianco – IGT Terre del Volturno 2020
Uvaggio:100% pallagrello bianco
Vinificazione in acciaio con maturazione per 2/3 in acciaio inox a temperatura di 13°/14° C per 1 mese e 1/3 sulle fecce fini in barrique per 9 mesi. Affinamento in bottiglia per 12 mesi.

Colore paglierino leggero e limpido, l’olfatto è scandito da una intrigante sequenza di pesca, ginestra e mandarino, screziato da erbette aromatiche della macchia mediterranea: tiglio, salvia, rosmarino. Il palato è sobrio, essenziale, laminato e tonico con progressione gustativa di erbe, fiori, sapori minerali. Inizia con un adagio e finisce in crescendo.

Morrone Pallagrello Bianco – IGT Terre del Volturno 2021
Uvaggio:100% pallagrello bianco

EN PRIMEUR – Non è ancora assemblato con la parte affinata in barrique, ma colpisce per la fragranza e integrità dell’impianto olfattivo, connotato da agrumi ed erbette aromatiche. Il palato è slanciato, snello con una palpitante freschezza.

 

 

@2024 - The News 24 Associazione Culturale - Località Le Stiacce 1 - 58044 Cinigiano (GR) - Italia - P. IVA IT01712420536
info@vinonews24.it
magnifiercrosschevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram